il logo di www.minieredisardegna.it

Vai alla miniera di:

(Miniere di Monte Narba)
Miniera di Bacu Arrodas

Miniera di
Monte Narba

  1. Fluminimaggiore
  2. Gonnosfanadiga-Villacidro
  3. Sardegna centrale
  4. Monte Narba (San Vito-Muravera)
  5. Salto di Quirra - Gerrei
  6. Nurra (Alghero) e Planargia
  7. San Vito - Villaputzu
  8. Rio Ollastu (Burcei)
  9. Arburese (Arbus)
  10. Iglesias-Gonnesa
  11. Iglesias-Marganai (Domusnovas)
  12. Monte Arci (Pau)
  13. Sulcis (alto e basso)
  14. Salto di Gessa (Buggerru)
  15. Barbagia - Alto Sarcidano
  16. Gerrei - Parteolla
  17. Monte Albo (Lula)
  18. Silius
  19. Ogliastra
  20. Orani - Nuorese
  21. Sassarese
  22. La Maddalena - Gallura
    ..:I minerali della miniera di Bacu Arrodas


l'ingrandimento della mappa l'ingrandimento della mappa

La miniera di Baccu Arrodas si trova nelle vicinanze di Muravera, ed č facilmente raggiungibile dalla periferia Est del paese..

ingrandimento della immagine ingrandimento della fotografia ingrandimento della fotografia ingrandimento della fotografia ingrandimento della fotografia

La miniera coltivava l'estremità orientale del lungo filone argentifero che, partendo dal Monte Serpeddì, taglia diagonalmente tutto il Sarrabus.

ingrandimento della fotografia ingrandimento della fotografia ingrandimento della fotografia ingrandimento della fotografia ingrandimento della fotografia

La miniera è immersa nel bosco, incassata alla fine di una valle scavata dal torrente stagionale che le dà il nome. Ora tutta la zona è gestita dall'Ente Foreste.

Le fotografie mostrano il susseguirsi delle discariche nei due versanti opposti della valle.

ingrandimento della fotografia ingrandimento della fotografia ingrandimento della fotografia

Le testimonianze ancora visibili della miniera sono molto poche. Probabilmente il minerale subiva un primo trattamento di arricchimento in un piccolo impianto i cui ruderi sono visibili in alcune fotografie qui pubblicate.

ingrandimento della fotografia ingrandimento della fotografia ingrandimento della fotografia ingrandimento della fotografia ingrandimento della fotografia

La Storia di Baccu Arrodas

La storia della miniera di Bacu Arrodas è legata a quella della limitrofa e più importante Monte Narba.

Le prime ricerche minerarie nella zona risalgono al 1863, e furono realizzate da alcuni prospettori di Muravera lungo le sponde del Rio di Baccu Arrodas. Nel 1872 questi permissionari cedettero i diritti alla Societą di Lanusei, che acquistò anche quelli limitrofi di Bacu Tasonis e di Bacu Rio Molas. La miniera venne dichiarata scoperta due anni dopo, e la concessione arrivò nel 1876.

I lavori seguirono un banco mineralizzato per 800 metri in direzione e per 200 metri in profondità su 8 livelli, tra i quali quelli più produttivi risultarono quelli superiori.

Nonostante la produzione fosse quantitativamente inferiore a quella del gruppo di miniere di Monte Narba - Giuanni Bonu, qui il minerale estratto si presentò molto più ricco, raggiungendo anche il 5% di ricavato in argento.

Nella stagione 1878-79 si ottennero gią 85 tn di minerale argentifero, produzione che salì a ben 128 tn nell'annata 1880-81, fino ad arrivare a 221 tn nella campagna seguente. In quegli anni gli operai occupati erano 182.

Altro vantaggio della miniera di Bacu Arrodas, rispetto a quella di Masaloni e di Giovanni Bonu, era la felice posizione rispetto alla strada statale.

La cernita del minerale più ricco avveniva a mano, mentre quello ordinario veniva trattato in una piccola laveria appositamente costruita sul posto.

Anche per la miniera di Bacu Arrodas, come per tutto il complesso di Monte Narba, i primi sintomi di esaurimento si ebbero gią alla fine del secolo XIX. Dopo la definitiva rinuncia da parte della Societą di Lanusei si ebbero ancora alcune ricerche, negli anni Trenta, Quaranta e Cinquanta. Le ultime ricerche, con esito negativo, furono portate a termine nel 1972 dalla Progemisa.

Altre miniere e coltivazioni in territorio di Muravera

Miniera di Santa Lucia (miniera di galena argentifera).

ingrandimento della fotografia ingrandimento della fotografia

Miniera di S'Arrexini (miniera di galena argentifera).

Baccu Senni (vecchie coltivazioni di galena argentifera).

Capo Ferrato (giacimento a piombo e rame coltivato dalla ditta L. Cao agli inizi del '900).

Santa Maria (vecchia coltivazione di galena argentifera e altri solfuri).

Su Zippiri, Rio Molas, Arcu S'Omini Mortu.


Bibliografia essenziale

ANTONIO FRANCESCO FADDA - Siti minerari in Sardegna - Coedisar, Cagliari 1997

PAOLO STARA, ROBERTO RIZZO, GIANCARLO BRIZZI - Sarrabus. Miniere e Minerali


Cartina IGM: 549, II

Vota questa miniera

Questa pagina ? stata visitata 23205 volte

    home -- mappa -- chi siamo -- contatti
    le miniere -- il parco -- la storia -- link
    le interviste -- i minierabondi -- precauzioni
    libri e miniere
    I Geositi della Sardegna